René Guénon e Ibn Arabi – Carlo Corbucci

René Guénon e Ibn Arabi
Precisazioni necessarie su pretese comparazioni tra il loro linguaggio metafisico, scusa per un attacco all’Opera di Guénon, alla metafisica tradizionale e all’esoterismo autentico
Carlo Corbucci

Le opere di René Guénon hanno contribuito in maniera fondamentale a chiarire e a tramandare i significati più profondi e universali della Tradizione, di cui è considerato il massimo interprete occidentale nel XX secolo.

Ibn Arabi è stato un filosofo, gnostico e poeta islamico la cui opera ha influenzato molti intellettuali e mistici sia orientali sia occidentali, ed è conosciuto in Occidente come Doctor Maximus e in alcuni paesi islamici con i titoli di Muḥyī al-Dīn (“Colui che rivivifica la religione”) e di al-Shaykh al-Akbar (“Il sommo Maestro”).

L’Autore smaschera distorte interpretazioni e chiarisce presunte divergenze riguardanti l’Opera di questi due grandi Maestri.

Carlo Corbucci Avvocato, romano di adozione, è un esperto di cultura islamica e medioorientale e studioso di dottrine esoteriche e spirituali.
E’ stato presente in vari pool difensivi in molti processi di terrorismo islamico svoltisi in Italia, approfondendo i casi eclatanti, sia dal punto di vista processuale che socio-politico.