Buon Anno da B-Atman

Salve,

siamo arrivati alla fine di questo angoscioso 2016… non so se condividete la mia sensazione, ma sembra proprio che sia stato un anno “congelato”, in cui tutto è stato in qualche modo bloccato, frenato e ostacolato.

Forse è giunto il momento di sciogliere il ghiaccio.

Il 2017 – secondo l’oracolo astrale – porterà un po’ di fuoco celeste che ci aiuterà a uscire dalla stagnazione dell’anno passato!

Ma attenzione, come ci consiglia la saggezza popolare: “Aiutati che Dio t’aiuta”.

Secondo l’insegnamento della kabbalah il motivo per cui la Bibbia inizia con la lettera “Beth” è perché la lettera “Alef” simboleggia il principio assoluto e pertanto è trascendentale, mentre l’inizio ha bisogno di “qualcosa” di immanente, simboleggiato appunto dalla “Beth”…

Ricordate che solo pochi giorni fa è nato “Nostro Signore”? E dove? A Betlemme che in ebraico [Beth Lehem] significa “Casa del Pane”.

Questo evento all’inizio è così mirabile e gioioso, quanto assai triste e straziante lo sarà alla fine: mi riferisco alla crocifissione… tuttavia – come sa ogni amante della scienza di Hermes – la “croce” è il simbolo del “crogiolo” dove avviene la trasmutazione del piombo in Oro!

E’ impossibile indicare con maggior chiarezza dove trovare questo crogiolo, di come ha fatto il divin poeta Dante Alighieri: “In quello punto dico veracemente che lo spirito de la vita, lo quale dimora ne la secretissima camera de lo cuore…”

A questo punto qualcuno si sarà già stancato di questa disgressione e “storcerà” il naso… però vi chiedo ancora un po’ di pazienza per tornare al simbolo della lettera “Beth”, anche se sono sicuro che quello che dirò a qualcuno farà sorridere.

Chi di voi non conosce Batman? Ebbene la parola in lingua inglese è composta da “bat” e “man”, e ovviamente tutti sanno che il significato è quello di “Uomo Pipistrello”. Tuttavia il pipistrello, nella tradizione alchemica, è il simbolo della “prima volatilizzazione” della materia, che è nera, proprio come lo è il “nostro” bel corpo: infatti corbeau secondo la cabala fonetica è il corps beau.

– Alfred Pennyworth: Riconosca i suoi limiti, signor Wayne.
– Bruce Wayne: Batman non ne ha… non ha limiti.
– Alfred Pennyworth: Ma lei sì, signore.
– Bruce Wayne: Non posso permettermi di conoscerli.
– Alfred Pennyworth: E cosa succederà, allora, il giorno che li scoprirà?
– Bruce Wayne: Sappiamo tutti quanto ti piace dire “Gliel’avevo detto”.
– Alfred Pennyworth: Quel giorno, signor Wayne, nemmeno io vorrei dirlo… probabilmente.

[Batman – The Dark Knight Rises]

 

Non solo gli alchimisti “giocano” con le parole, ma anche e pure molto di più lo fanno i cabalisti, che come i poeti hanno molta libertà: la parola “Batman” contiene la “Beth” e la parola chiave della tradizione induista: “Atman”. Ora, se “Beth” è la matrice che ci accoglie, è anche la stessa matrice da cui dobbiamo uscirne, prima o poi, rigenerati!

Abbiamo finito, basta elucubrazioni…

E nell’augurare a tutti voi di accogliere questo fuoco celeste che il nuovo anno ci porterà, vi lascio meditare su questi ulteriori frammenti.

Buon 2017!

Jewish Gematria 2017 = I am a prisoner in my own home

oracolo-page-002

Oracolo: Ma tu guarda se questa non è una sorpresa.
L’architetto: Hai giocato una partita pericolosa.
Oracolo: I cambiamenti lo sono, sempre.
L’architetto: Quanto pensi che durerà?
Oracolo: Durerà, finché durerà. Che ne sarà degli altri?
L’architetto: Quali altri?
Oracolo: Quelli che ancora vorranno uscire.
L’architetto: Ovviamente saranno liberati.
Oracolo: Ho la tua parola?
L’architetto: Scusa, per chi mi hai preso? Per un umano?

[Scena finale dei film: Matrix Revolution, 2003]

 

“Se le porte della percezione fossero purificate, tutto apparirebbe all’uomo come in effetti è, infinito.”

[William Blake – Il Matrimonio del Cielo e dell’Inferno]

 

“Non ci stancheremo di esplorare, e l’esito di tutte le nostre esplorazioni, sarà arrivare al punto da cui eravamo partiti, ma sarà una nuova terra.”

[Thomas Eliot – Quattro Quartetti]
Tag: