“Enneagramma” di Silvia Bonciarelli

clicca qui per scaricare tutto l’articolo: articolo-cavour-enneagramma-i

Per chi come me, pur amando la materia e praticando con passione la professione di psicologo, ritiene allo stesso tempo che la psicologia sia solo un primo, necessario gradino di evoluzione personale, non c’è strumento di lavoro paragonabile all’Enneagramma per aiutare gli altri nella conoscenza di sé, degli altri, e per il miglioramento delle proprie relazioni.

L’Enneagramma (dalle parole greche εννέα, ennea, “nove” e γραμμα, gramma, “scrittura” ed anche “disegno”) è un simbolo pubblicato in Occidente per la prima volta solo nel 1949, all’interno del testo ” Frammenti di un insegnamento sconosciuto” di Pëtr Dem’janovič Ouspenskij, nel quale l’autore racconta dei suoi otto anni di lavoro con il mistico Georges Ivanovič Gurdjieff.

L’Enneagramma è infatti alla base dell’insegnamento di Gurdjieff, che lo utilizza in molteplici casi come un modello matematico del modo di procedere dei fenomeni.

L’Enneagramma non è quindi nato come modello di valutazione mentale, essendo quella dei tipi psicologici solo una delle tante possibili applicazioni di questo simbolo. I due canali principali di trasmissione dell’Enneagramma applicato alla psicologia sono Oscar Ichazo  e l’Istituto di Arica, un gruppo con un taglio piuttosto esoterico ed elitario, e lo psichiatra-psicoterapeuta e antropologo cileno Claudio Naranjo, attraverso le sue lezioni a Berkeley e frequentate da H. Palmer e Bob Ochs, due nomi importanti nel far  conoscere questo strumento rispettivamente in California e a Chicago, presso l’Università Gesuita di Loyola.

I tipi psicologici individuati dall’Enneagramma sono nove, come i punti segnati sulla circonferenza e sono detti Enneatipi; per ciascuno di essi esistono poi per tre sottotipi per un totale di 27 tipologie.

L’Enneagramma identifica quindi nove connotazioni emotive principali, che possono anche essere viste come le caratteristiche di quella che Jung definisce l’“ombra” che si è formata nei primi anni di vita.

Se lo sviluppo è stato armonico esse sono semplici tendenze vissute con leggerezza, e di fatto ognuna di esse ha i propri lati positivi, di forza. Ma quando la situazione psicologica è critica, quando per qualsiasi motivo andiamo sotto stress, ecco che possono diventare preoccupazioni ossessive che indeboliscono la nostra capacità di autosservazione  e che ci impediscono di evolvere.

Avvalersi di questo prezioso strumento usato ai fini della conoscenza di sé risulta un grande propulsore per chiunque abbia il desiderio e la volontà di comprendere le ragioni per le quali tende a ricadere negli stessi schemi, nei blocchi che impediscono la crescita nella sfera esistenziale e spirituale…  In definitiva di essere felici!

L’Enneagramma facilita la consapevolezza del nostro “Io superiore” e la riscoperta del nostro intuito, strumenti capaci di indirizzarci e insostituibili guide lungo il nostro percorso di vita e di autorealizzazione.

 

 

Per saperne più è disponibile in Libreria

Helen Palmer

“ L’Enneagramma – La geometria dell’anima che vi rivela il vostro carattere “

Astrolabio

 

Per consultazioni personali e approfondimenti individuali

Silvia Bonciarelli

Dott.ssa in Psicologia Clinica e Counselor Transpersonale