Il Libro del Sé Divino – Ibn ‘Arabi

Il Libro del Sé Divino
Ibn ‘Arabi

Il Libro del Sé (divino), è il secondo trattato del grande sûfî andaluso Muhyî ‘l-Dîn ibn ‘Arabî (m. 1240) che vede la luce nella collana I Gioielli. Per quanto breve, l’opera è di notevole interesse poiché evoca il tema metafisico per eccellenza: l’unicità, l’esclusività, l’assolutezza e l’onnipervasione del Sé divino, radice ultima e profonda di ogni esistente.

La traduzione dall’arabo è preceduta da un’ampia introduzione della curatrice che, attraverso la Scienza delle Lettere, ci fa accostare alla Scienza alchemica, a quella dei Nomi e a quella dei numeri, nonché da un saggio di Paolo Urizzi in cui la dottrina di Ibn ‘Arabî sul Sé divino viene messa a confronto con gli unanimi insegnamenti dell’advaita Shankariano.