Kalyana. Il sentiero graduale del buddha – Achanna Sucitto

Kalyana
Il sentiero graduale del buddha
Achanna Sucitto

Kalyana, letteralmente ‘bello’, ‘rincuorante, ‘amabile’, è l’epiteto che il Buddha riservava sia al suo insegnamento sia a quei compagni ideali che fanno da punto di riferimento nella pratica. Un evidente richiamo al genuino spirito del buddhismo, che lungi dall’essere una dottrina fredda e nichilista è un cammino che presuppone onestà e una profonda motivazione al bene, va percorso con coraggio e sensibilità e ha come meta la riconciliazione di ogni conflitto. Ad illustrare la centralità di questo tema, il volume presenta una serie di discorsi che nascono dalla pratica contemporanea degli antichi insegnamenti del buddhismo theravada.

Achaan Sucitto inglese di nascita, è stato ordinato monaco buddhista (bhikkhu] in Tailandia nel 1976. Tornato al suo paese nel 1978, ha praticato sotto la guida di Achaan Sumedho per quattordici anni, assumendo in seguito la direzione spirituale della comunità del monastero Cìttaviveka di Chithurst (West Sussex) dove attualmente risiede e nel cui contesto sono nati i discorsi raccolti in questo volume. Accanto al suo impegno principale come membro anziano del “Sangha della foresta”, che fa capo a una rete di monasteri occidentali nella tradizione di Achaan Chah, da molti anni offre insegnamenti e ritiri di meditazione ai laici in varie parti del mondo.