La gioia dei Serpenti – Harsa

La gioia dei Serpenti
Nagananda
Harsa

Nagananda (Gioia dei Serpenti) è un’opera sanscrita attribuita al re Harsha (governata nel 606 E.V. – 648 E.V.).
Nagananda è uno dei drammi sanscriti più acclamati. Attraverso cinque atti, racconta la storia popolare del sacrificio di Jimutavahana per salvare i Naga. La caratteristica unica di questo dramma è l’invocazione al signore Buddha nel verso Nandi, che è considerato uno dei migliori esempi delle composizioni drammatiche.
Nagananda è la storia di come il principe Jimutavahana rinuncia al proprio corpo per fermare un sacrificio di serpenti al divino Garuda.
Il primo atto dell’opera teatrale si apre nel bosco di penitenze vicino al tempio di Gauri. Jimutavahana con il suo amico Atreya, il Vidushaka è alla ricerca di un adatto luogo di residenza sulle montagne della Malaya, nella parte meridionale dei Ghat occidentali, poiché i suoi vecchi genitori hanno espresso il desiderio di rimanere lì. Trascorrerebbe la sua giovinezza nel servire i genitori, poiché considera tale servizio molto al di sopra del godimento dei piaceri del regno. Aveva fatto tutto il possibile per rendere felici i suoi sudditi e rendere sicuro il regno. Muovendosi, entrambi sono colpiti dalla grandiosità della montagna e decidono di rimanere lì. Qui, capita di sentire le affascinanti melodie della musica melodiosa. Entrano nel tempio di Gauri ma si nascondono per scoprire chi stava cantando. Attraverso la sua conversazione con la sua domestica apprendono che è una fanciulla e che Gauri si è rivelato a lei in un sogno e le ha conferito il dono che l’Imperatore di Vidhyadhara, Jimutavahana la sposerà. I due amici si rivelano solo per mettere in imbarazzo Malayavati. Malayavati lascia il tempio con un eremita senza conoscere la vera identità di Jimutavahana. L’eroe e l’eroina si innamorano l’uno dell’altro, sebbene siano ancora estranei l’uno all’altro.
La storia di Jimutavahana si trova nel Kathasaritsagara di Somadeva e nel Brihatkathamanjari di Kshemendra, entrambi scritti nell’XI secolo d.C. La storia di Nagananda segue da vicino le narrazioni più brevi in ​​entrambi questi libri. Entrambi questi libri sono le versioni sanscrite del Brihatkatha di Gunadhya in lingua Paishachi, composte intorno al I secolo d.C. Ma né il Kathasaritsagara né il Brihatkathamanjari, entrambi composti nell’XI secolo d.C. può essere accettata come la fonte di Nagananda che fu composta nel VII secolo d.C. Sri Harsha ha aggiunto le sue idee e si è allontanato dalla storia principale di Brihathkatha in molti luoghi. Bisogna ammettere che il suo trattamento per mano di Harsha è abbastanza originale e che il gioco nel suo insieme è molto affascinante e affascinante.

Harsha o Harshavardhana (हर्षवर्धन) o Harsha vardhan (590 – 647) fu un imperatore indiano che dominò l’India del Nord per più di quarant’anni.
Egli era il figlio di Prabhakar Vardhan e fratello minore di Rajyavardhan, un re del Thanesar. Al culmine della sua potenza il suo regno si estendeva dal Punjab, al Bengala, all’Orissa e in tutta la pianura Indo-Gangetica a nord del fiume Narmada.
Dopo la caduta dell’Impero Gupta a metà del VI secolo d.C., l’India settentrionale tornò a dividersi in piccole repubbliche e monarchie. Harsha unì le piccole repubbliche dal Punjab all’India centrale e venne incoronato re nell’aprile 606, a soli 16 anni.
Durante il suo regno si dedicò attivamente alla diffusione della cultura e del Buddismo.
Harsa è noto anche come autore di canti buddisti e di alcuni drammi, quali la Ratnâvalî, la Priyadarçikâ e il Nâgânanda (La gioia dei serpenti). I primi due si possono definire drammi di ‘agnizione’, per i quali Harsha si ispirò all’opera di Kālidāsa intitolata Mālavikāgnimitram. Il Nâgânanda è incentrato sulla descrizione di un sacrificio del Buddha, non priva di riferimenti al culto induista e di immagini erotiche.
Le opere scritte da Harsha si caratterizzarono per una notevole creatività scenica e per la sintesi riuscita del canto, della danza e dell’azione saldati assieme grazie all’utilizzo del ‘meraviglioso’.
Le sue imprese furono celebrate dal poeta e scrittore indiano Bāṇabhaṭṭa nell’opera Harsacarita (Le gesta di Harsa).