Le Dimore Filosofali – Fulcanelli

Le Dimore Filosofali
Fulcanelli

Un labirinto in cui sono sparsi i frammenti di un grandioso disegno alchemico.
L’opera che integra e completa il contenuto del Mistero delle Cattedrali, dando tutti gli elementi utili al conseguimento della Grande Opera. Le eccellenti prefazioni di Eugène Canseliet chiariscono molti significati oscuri, mettendo il lettore sulla via della corretta interpretazione dell’intera opera di Fulcanelli.

Fulcanelli è lo pseudonimo di un autore di libri di alchimia del XX secolo, la cui identità non è mai stata resa nota. Si è supposto potesse trattarsi di Jean Julien Champagne, o René Adolphe Schwaller de Lubicz, o Camille Flammarion, o Pierre Dujol o Jules Violle, medico francese. Eugène Canseliet (nato nel 1899) si è sempre dichiarato discepolo di Fulcanelli che parlò sempre attraverso Canseliet che a sua volta curò le prefazioni dei suoi libri.
Fulcanelli scrisse Il mistero delle cattedrali nel 1926 e Le dimore filosofali nel 1931. Canseliet afferma che Fulcanelli scrisse anche un terzo libro, Finis Gloriae Mundi, che fu consegnato al Canseliet per la pubblicazione ma poi ritirato in un secondo tempo. Il titolo di quest’ultimo libro fa riferimento ad un dipinto di Juan Valdés Leal conservato presso la chiesa della Santa Caritad a Siviglia e denominato proprio Finis Gloriae Mundi. Due sono le versioni di questo misterioso trattato, comunque affatto incompatibili e di dubbia provenienza. Una apparve già nel 1988 sulla “Tourbe des Philsophes” e l’altra affidata a Jacqes d’Ares “via internet”.