“Manifestazioni Spiritiche” – Allan Kardec

Questa opera di Allan Kardec, il pedagogista che per primo cercò di ordinare e decodificare i concetti dello spiritismo come una dottrina, ha come obiettivo quello di esplicare al neofita le varie modalità attraverso le quali il mondo dello spirito può manifestare la sua presenza. Secondo l’autore, gli spiriti, proprio come gli uomini, possiedono diversi gradi di evoluzione intellettuale e morale. A seconda del loro stadio evolutivo, la loro manifestazione si caratterizza da eventi e modalità ben precise, descritte con dovizia in questo trattato. Ne consegue la necessità, da parte del medium o da chi si accinge alla sperimentazione parapsicologica, di apprendere la lucida capacità di discernimento per saper riconoscere e distinguere entità negative, volte all’inganno e alla perdizione. A tal fine Kardec classifica tutti i fenomeni spiritici, le varie metodologie di contatto che è possibile adoperare e compone un vocabolario dei termini maggiormente utilizzati in metapsichica.

Il testo, in questa edizione rinnovata e illustrata, è preceduto dal saggio introduttivo inedito “Nascita e codifica dello spiritismo moderno” di Alexandra Rendhell, antropologa, esperta di religioni antiche, grande studiosa di  esoterismo e fenomenologia paranormale nonché figlia di uno degli ultimi medium ad effetto fisico ancora viventi: Fulvio Rendhell. Il suo contributo conduce il lettore a tu per tu con lo spiritista Allan Kardec e lo aiuta a comprendere la rilevanza di questa figura in rapporto al suo tempo storico e alla sua filosofia, attualizzandone i concetti.