Sabato 9 Luglio conferenza: “Enti Disumani. Riflessioni sui Tempi Correnti”

Cari amici, siete tutti invitati Sabato 9 Luglio alle ore 17:30 presso la Libreria Esoterica Cavour per la conferenza gratuita a cura di Alessandro Frillici “Enti Disumani. Riflessioni sui Tempi Correnti.” Gradita prenotazione al numero 075 5729198 o news@cavouresoterica.it

Con la caduta l’uomo sente l’esigenza di legiferare. Le leggi umane sono limitate al palcoscenico della vita, nell’ordinamento non esiste il concetto di “individuo”, ma solo di persona, ovvero maschera, prosopon. Con le leggi si pongono le basi di un mondo virtuale che è fonte di processi di virtualizzazione/astrazione, primo fra tutti la virtualizzazione del lavoro nella moneta.
Nata inizialmente come finzione giuridica la “persona ficta” nel medioevo trova una sua prima personificazione nelle accomandite medioevali (grazioso privilegio dei sovrani a quei mercanti avventurosi che tentando la fortuna in lontani paesi chiedevano di limitare la propria responsabilità al capitale destinato all’affare). Con il colonialismo il privilegio della limitata responsabilità dalla singola avventura è esteso all’oggetto sociale, ovvero alla stabile organizzazione di ventura (Compagnia delle Indie). Nell’800 i ricchi mercanti trasformatisi in industriali affiancano le macchine all’uomo e chiedono il privilegio di limitare i rischi d’impresa al capitale investito. Nascono le persone giuridiche come oggi le conosciamo. Dall’800 ad oggi il processo è cresciuto esponenzialmente comportando la crescente “evaporazione” dell’uomo. Queste creature dell’uomo sono gli abitanti del mondo virtuale.
Esse seguono il riflesso del mondo naturale, nascono, crescono, generano, s’ammalano e muoiono. Come ogni creatura il loro istinto le porta a ricercare la sopravvivenza, al primo posto il cibo. Il cibo per questi esseri è la moneta. Esse non possono attingere l’energia dal mondo fisico quindi devono essere nutrite dai loro creatori. E’ un mondo che vive in una luce falsa, riflessa, nato dalla caduta e sviluppato dall’avidità umana.
Purtroppo anche l’uomo s’è legato a questo mondo virtuale, oramai incapace di distinguere il palcoscenico dalla realtà. Questo ha permesso agli Enti di acquisire potere sui propri creatori. Le Lobbies oramai sono in grado di influenzare a proprio vantaggio i legiferatori umani. Gli Enti diventano ogni giorno più disumani e gli uomini, sempre più deboli, sempre più ottenebrati, da creatori divengono schiavi. Schiavi necessari ad alimentare il pallido mondo virtuale. La bussola delle decisioni dal Creatore si è spostata sulla natura, quindi sugli uomini ed ora sul denaro. Quali possibili scenari? La storia recente insegna che il processo di vaporizzazione dell’uomo è sempre più rapido, gli Enti sono sempre più efficienti, gli unici che possono arrestare questo processo sono gli uomini stessi. Se nulla sarà fatto gli Enti, come il vischio, invaderanno la quercia causandone la morte. Il problema è che il vischio muore sempre dopo la quercia! La recente crisi sta richiamando l’attenzione sull’etica d’impresa, gli Enti stanno già reagendo, con l’emergenza dell’economia essi stanno svuotando ogni tentativo di limitazione.
La soluzione alternativa al vischio passa per il risveglio delle coscienze, l’uomo deve destarsi e riprenderne il controllo. La violenza non serve, le soluzioni apocalittiche neppure, soltanto recuperando il nord della bussola sul Creatore è possibile cambiare rotta.